I NEBBIOLI DELL’ALTO PIEMONTE – Visita in cantina – 7 aprile 2018

20,00

Acconto della quota evento

Riempi il carrello con le opzioni Associato e Non Associato a seconda del numero di posti desiderato. Il saldo verrà pagato ad inizio gita con le seguenti quote.

  • Quota per gli Associati FISAR: 50 € a persona (di cui 20 € versati in acconto e 30 € da versare a saldo)
  • Quota per i Non Associati: 60 € a persona (di cui 20 € versati in acconto e 40 € da versare a saldo)
  • Quota per 1 Associato + 1 Non Associato: 105 € (di cui 40 € versati in acconto e 65 € da versare a saldo)
  • Quota per 2x Non Associati: 110 € (di cui 40 € versati in acconto e 70 € da versare a saldo)

La visita verrà realizzata usufruendo del trasferimento tramite Pullman. Le quote di partecipazione della visita comprendono le visite e degustazioni presso le aziende vinicole e il pranzo, mentre la quota del pullman non è compresa e sarà, indicativamente, tra i 15 e 20 € a persone in funzione del numero di partecipanti. 

Svuota

Descrizione

I NEBBIOLI DELL’ALTO PIEMONTE

DAL COSTE DEL SESIA AL LESSONA DOC

Sabato 7 aprile

 

L’Alto Piemonte è il territorio compreso tra le provincie di Biella, Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola, che vede alternarsi montagne e colline vitate, risaie e laghi azzurri, castelli e cascine. Situato fra la pianura padana e le alpi pennine e lepontine, il territorio è delimitato ad est dal Lago Maggiore e ad ovest dal Monte Rosa.

L’Alto Piemonte deve la sua fama, oltre agli splendidi paesaggi, anche ai suoi prodotti eno-gastronomici: dal riso ai formaggi, fino alle due più rinomate DOCG, Gattinara e Ghemme, seguite da una lunga serie di interessanti etichette con denominazione di origine controllata come il Coste della Sesia, il Bramaterra, il Lessona, il Boca e il Fara tutti vinificati a partire da uve nebbiolo affiancate da altri uvaggi espressione del territorio quali vespolina, croatina, bonarda e/o barbera.

 MONTECAVALLO    

 Sulla collina di Montecavallo, che sovrasta Vigliano, nella cornice delle Prealpi biellesi, sorgeva il baluardo degli Avogadro di Vercelli. Terminati i conflitti medioevali solo poche macerie ed una torre ricordavano la presenza del maniero.  Fu il Conte Filiberto Avogadro, intorno al 1830, a far ricostruire il castello sui resti di una casaforte appartenente alla famiglia dal 1200.
La singolare caratteristica di questo castello è quella di essere uno dei pochi esemplari di architettura neogotica esistenti in tutto il territorio biellese. E’ costituito da un corpo centrale di forma quadrata, da una galleria vetrata che lo collega alla cappella e da un altro blocco ora utilizzato per l’agriturismo e le cantine. Sulla cima della collina, si trovano giardino, parco, bosco e  i vigneti.

Cantina Castello di Montecavallo 

La proprietaria del Castello Maria Chiara Reda, e Andrea Manfrinati con il quale condivide la passione per terra vigna e vino, continua la tradizione vitivinicola della famiglia producendo diversi vini pregiati che si possono degustare direttamente nelle cantine. Grazie all’esposizione e alla composizione dei terreni, la coltivazione della vigna sulla collina è sempre stata rigogliosa e la produzione inizialmente riservata alla famiglia e a coloro che collaboravano, dopo gli anni ’70 , si è aperta anche al mercato. L’azienda, sensibile al rispetto della natura, da due anni opera in conversione biologica utilizzando quantità minime di solforosa in cantina, con l’intento di valorizzare al massimo le caratteristiche territoriali, producendo attualmente circa 10 mila bottiglie di vino da 3 ettari di proprietà.

Visita alle cantine:

La cantina storica, ancora esistente, fu costruita contemporaneamente al castello, ed è rimasta un’importante testimonianza dei metodi usati per la vinificazione prima dell’avvento dei macchinari moderni. Contiene ancora i vecchi tini in castagno, le vecchie botti e le pesantissime bigonce, testimoni di una tradizione e di una tenacia che ha spinto a continuare a tenere viva la memoria proseguendo il cammino iniziato qualche secolo fa.

La cantina nuova è stata ricavata ne locali che anticamente ospitavano  le scuderie. Non è stato modificato nulla della struttura architettonica, ma i lavori di adeguamento hanno reso questa nuova cantina moderna e funzionale senza togliere nulla al fascino dell’antica costruzione.

Degusteremo:

  • Primomiglio vino bianco erbaluce senza solfiti aggiunti
  • Cajanto Coste Sesia DOC rosso 2014  (nebbiolo 80% e vespolina 20%)
  • Montecavallo Coste Sesia DOC nebbiolo 2011 (nebbiolo 100%)

Castello di Montecavallo -Via per Chiavazza 30, ViglianoBiellese (BIELLA) – Italia [email protected][email protected]

 

PRANZO TRATTORIA D’ORIA

La famiglia D’Oria è nel mondo della ristorazione da quasi trent’anni e nel 2008 ha riportato all’antico splendore un caratteristico edificio del quattordicesimo secolo per dare una sede all’altezza della propria idea di ristorazione. Questa è la Trattoria D’Oria, che gode di una magnifica posizione poiché si trova accanto alle suggestive mura del Ricetto medievale di Candelo, dal quale si può godere di una vista panoramica sull’intero comprensorio delle Prealpi biellesi. L’idea di cucina della Trattoria D’Oria si basa sull’utilizzo di prodotti di qualità, rigorosamente di stagione e su un menù che è espressione della tradizione piemontese, senza però tralasciare i grandi classici della cucina italiana.
Paste fresche e dolci fatti in casa, pane da farine biologiche, riso Carnaroli DOP, eccellenze di salumi e formaggi locali, sono presenti giornalmente nel menù della Trattoria D’Oria.

Menu:

  • Salame e paletta di Candelo
  • Tomino fresco in crosta di semi di canapa
  • Peperone al forno in bagna cauda
  • Risotto Carnaroli di Baraggia mantecato al maccagno biellese
  • Ravioli di erbette al burro, salvia e nocciole tostate
  • Coppa di maialino alle mele
  • Patate al forno
  • Torta morbida di pere e cioccolato fondente
  • Acqua, caffè
  • Vini: Miranda (erbaluce-arneis) Centovigne Castellengo e Galliano (Coste della Sesia) Roccia Rossa Brusnengo

Trattoria D’Oria -Via Mazzini 15 , Biella – Candelo – www.trattoriadoria.it

 

LESSONA     

 Lessona è comune in provincia di Biella, situato ai piedi delle prealpi biellesi nella parte occidentale dell’Alto Piemonte. Il territorio, prevalentemente collinare, è conosciuto per i suoi rinomati vigneti di nebbiolo, localmente chiamato “spanna”, vespolina e uva rara dai quali si ricava il pregiato vino rosso Lessona DOC. La denominazione Lessona DOC,  riconosciuta nel 1976, è  limitata al solo territorio del comune di Lessona e rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Piemonte  dove la coltivazione dei vigneti dopo una fase di abbandono sta oggi vivendo una vera e propria riscoperta. Il Lessona DOC  è anche detto “vino d’Italia” perché fu scelto dall’allora Ministro delle Finanze, Quintino Sella, al posto dello Champagne per brindare all’Unità d’Italia, dopo la presa di Roma  nel 1870.


Cantina Pietro Cassina

Visita e Degustazione alla Cantina Cassina – è un’azienda Vitivinicola a conduzione familiare anche continua la tradizione tramandata da più generazioni. La proprietà si estende su una superficie di circa 6 ettari di vigneti composti da circa 5.000 piante per ettaro, oltre a svariati ettari di circostanti boschi che creano un microclima particolarmente  adatto  per la coltivazione del Nebbiolo . L’azienda utilizza solo uve provenienti dai propri vigneti, vitati per la maggior parte a Nebbiolo, ma anche vespolina ed erbaluce. I vini principali sono il Lessona DOC e la famiglia dei Coste della Sesia DOC , vini ai quali il particolare tipo di terreno della zona conferisce insoliti aromi, nobili ed eleganti.

Dopo la visita in cantina e ai vigneti – verranno serviti grissini all’acqua  e altri prodotti locali (Paletta Biellese –Toma Biellese –Torcetti ) e

degusteremo:

  • Coste della Sesia bianco DOC erbaluce 100% “Nivis” 13%
  • Coste della Sesia rosato DOC  nebbiolo 100% “Rosa Rosarum”  12,5%
  • Coste della Sesia rosso DOC nebbiolo 100% Ca’ daj Tàss”  13%
  • Coste della Sesia DOC Nebbiolo 100%  “Ciuèt” 13%
  • Coste della Sesia DOC vespolina 100%  “Tèra Rùssa” 13%
  • LESSONA DOC  nebbiolo 100% ‘Tanzo”  13,5%

Azienda Vitivinicola Pietro Cassina – Via IV Novembre 171 – Lessona (Biella) – www.pietrocassina.it –  [email protected]

 

 PROGRAMMA

    8.00 partenza da Milano

    • 10.00 visita e degustazione alla cantina del Castello di Montecavallo
      13.00 pranzo presso la  trattoria D’Oria
      15.30 visita e degustazione alla cantina di Pietro Cassina
      • 18.00 partenza verso Milano

Informazioni aggiuntive

Partecipanti

Associato, Non Associato