Ora vanno di moda i vini minerali. Ma cosa significa esattamente? A cosa si riferisce questo sentore? Luigi Moio, docente di Enologia a Napoli, lo spiega in “Il respiro del vino”, mettendo in luce che talvolta il naso si fa deviare, appunto, dalle mode.
Il termine minerale è nato in Alsazia, essenzialmente per descrivere alcune note del Riesling. Da lì è stato adottato nella Valle della Loira in ragione di una peculiare caratteristica dei suoli e quindi in Borgogna, dapprima nella valle dello Chablis e poi in tutta la Cote Dor, Dove è stato associato spesso all’odore che la pietra focaia emana quando viene sfregata energicamente con un acciarino per produrre scintille. Dunque la nota altro non è che un leggerissimo sentore sulfureo.