Come dice il nome stesso, il Tannat è un vitigno carico di tannini, al punto da essere sempre meno coltivato perché in bocca risulta quasi tagliente. Eppure questa caratteristica che lo relega nella categoria dei vini rustici è anche la sua forza. Lo racconta Jason Wilson in “Godforsaken Grapes”
 
Per secoli, sono stati prodotti vini rossi rustici e gioviali intorno a Madiran, in Guascogna, dove regna il Tannat. Il vitigno ha avuto un fugace momento di notorietà a metà degli anni Duemila, quando gli scienziati hanno scoperto che contiene la maggior quantià di polifenoli, gli antiossidanti che prevengono una vasta gamma di malattie, tra cui cancro, patologie cardiache e diabete. Ma per molti rimane un vitigno sconosciuto. I vini di Madiran sono muscolosi, scuri, vinosi, con sentori di marasca, oliva nera e caffè, che sembrano così adatti al quel tempo dell’anno in cui arrivano i primi freddi e le foglie iniziano a cadere.