Il carattere di un vino raccoglie in sé il sapore della terra e dei venti che lo crescono. lo racconta con garbo e poesia Mario Soldati in “Vino al vino”.
 
Come il Gattinara sembra che attinga la sua forza più segreta al vento che passa sui ghiacciai del Rosa pochi minuti prima di soffiare tra le vigne; come il Rossese cresce tra il mistral e lo scirocco tra i riflessi, ugualmente vicini, del mar Ligure e del Clapier: così l’Etna bianco raccoglie e fonde, nel suo pallore e nel suo aroma, nella sua freschezza e nella sua vena nascosta di affumicato, le nevi perenni della vetta e il fuoco del vulcano.