Fino a poco tempo fa si credeva che il nome Traminer derivasse da “Tramin”, cioè Termeno, che era considerata la culla del vitigno. Le attuali analisi del DNA e gli studi hanno dimostrato che si tratta probabilmente di una sovrapposizione di nomi: il vino Traminer, il cui nome deriva effettivamente da Tramin, non era prodotto a partire dal vitigno Traminer… Lo raccontano Attilio Scienza e Serena Imazio nel loro libro “La stirpe del vino”.

La sovrapposizione tra il vitigno traminer e Termeno è riconducibile alla consuetudine del Medioevo di commercializzare i vini con il nome del loro luogo di pro­duzione, a prescindere dal vitigno impiegato. All’epoca i vini dolci provenienti dal Tirolo meridionale – e in particolare dall’Oltradige – godevano di buona fama, soprattutto presso i conventi bavaresi. Tra questi vini spiccavano proprio quelli di Termeno, pertanto è possibile che con il nome «Traminer» non ci si riferisse a vini prodotti con il vitigno Traminer, bensì a vini dolci e aromatici di Tramin/Termeno, prodotti con un altro vitigno.