“Forteto della Luja deriva dal nome dei boschi attraversati dal Rio Luja che circondano i vigneti aziendali.  E’ qui che nel 1985 iniziava l’attività con la surmaturazione dell’uva Moscato e la produzione del Moscato Passito Piasa Rischei. Lo scorso ottobre durante la terza edizione di Fermento Milano è stato premiato come uno dei migliori produttori e per celebrare la vittoria lo Chef Daniel Canzian ha creato un apposito menù per Giovedì 27 Febbraio.

IL TERRITORIO – La cantina si trova a pochi passi da Loazzolo un piccolo comune della Langa astigiana, famoso per la produzione della più piccola DOC d’Italia, la Loazzolo DOC. Prodotto in quantità limitatissime da uva a bacca aromatica Moscato, è un vino dolce molto pregiato. La zona di produzione è caratterizzata da un ambiente di alta collina ricco di boschi e dal clima asciutto e ventilato, con notti fresche, tali da consentire la sovramaturazione in pianta delle uve moscato.

Dal 2007 l’Azienda Agricola Forteto della Luja è stata nominata, dalla più importante associazione mondiale per la difesa della natura, Oasi affiliata al WWF. Con l’utilizzo della DOC Loazzolo i Produttori Vinicoli Piemontesi sono orgogliosi di presentare al consumatore un Vino di Qualità che ha origini storiche e caratteristiche che lo identificano in un territorio ben definito.

L’AZIENDA AGRICOLA FORTETO DELLA LUJA è giunta all’attuale proprietario Giancarlo Scaglione dalla famiglia materna. L’accorpamento aziendale risale al 1826 mentre la grotta-cantina in pietra è una parte dei fabbricati al 1700.  Fino al 1985 l’Azienda veniva gestita nella produzione di uve per la vendita e solo una piccola parte vinificata per il consumo famigliare. In quest’anno iniziava anche la surmaturazione dell’uva Moscato e la produzione del vino omonimo Forteto della Luja che raggiungeva prestigiosi riconoscimenti e la pubblicazione sulla G.U. del 19 maggio 1992 della d.o.c. Loazzolo vendemmia tardiva. 

IL VINO CHE HA VINTO FERMENTO MILANO 2019Piasa Rischei – Loazzolo doc è stato uno dei vini premiati durante la terza edizione di Fermento Milano. Prodotto con uva bianca moscato appassita che cresce su un terreno calcareo-marnoso. Per la produzione del Piasa Rischei – Loazzolo doc la vendemmia inizia a fine settembre e si protrae fino a novembre inoltrato raccogliendo per selezioni successive i grappoli e gli acini infavati da Botrytis nobile. Una parte dell’uva è ulteriormente naturalmente appassita su stuoie in fruttaio. Dopo una lenta spremitura delle uve surmature, la fermentazione viene attivata da lievito madre dell’anno precedente e prosegue lentamente per oltre 24 mesi in piccole botti di rovere. L’imbottigliamento avviene nella primavera del terzo anno dopo la vendemmia. Di colore giallo carico, dai riflessi dorati, all’olfatto è evidente la radice “moscata”. Non soltanto dolce, ma alcolico, mandorlato, speziato è un vino piacevole da meditazione, o in abbinata a formaggi blu, caprini, stagionati, o pasticceria secca.

Il RISTORANTE E LA CANTINA– Lo chef Daniel Canzian ospiterà una serata in onore di uno dei vini vincitori di Fermento. La filosofia dello chef sposa i valori della famiglia Scaglione: tradizione, sostenibilità e rispetto delle leggi della natura.

“Siamo piccoli, ma intorno c’è tanto altro, c’è il paesaggio, la natura, il bosco, i prodotti tipici. Io, del resto, mi sento fortunato a vivere qui” Giovanni Scaglione, titolare dell’azienda agricola Forteto della Luja

IL MENU E I VINI IN ABBINATI – Di seguito Il menù di Daniel Canzian e i vini abbinati:
Carpaccio di barbabietola in salsa alla senape in grani, cicorino selvatico e pepe LampongRisotto mantecato alla parmigiana, trevisana marinata e guanciale croccante Mon Ross (Barbera)
Guancetta di vitello al curry rosso, broccoletti e mele cotogne Le grive (Barbera e Nebbiolo)
Tiramisu al grano saraceno “Rosa del deserto” Pian dei sogni (Passito di Brachetto)

Caffe’ e Piccola pasticceria

Ilaria Scarpiello