Per far fronte al lockdown dettato dall’emergenza Covid-19, FISAR Milano ha organizzato – dal 16 marzo al 30 giugno 2020 – attività gratuite di interazione a distanza con approfondimenti tematici e degustazioni dedicate ai propri Associati. A questi eventi sono state legate alcune iniziative solidali dedicate alle istituzioni in prima linea nel sostegno alle persone in difficoltà sanitaria ed economica.

Milano, 1 Luglio 2020 – Si è concluso con successo, Martedì 30 Giugno, il progetto di iniziative gratuite a distanza organizzato da FISAR Milano all’insegna di #iorestoacasa #iodegustoacasa e #distantimauniti. Un’occasione preziosa che ha permesso ai tanti Associati e Winelover di continuare a parlare di vino e condividere la passione enoica in un periodo molto particolare di isolamento forzato.

IL BILANCIO – Sono stati 3 mesi e mezzo incredibilmente ricchi e intensi per FISAR Milano che, per far fronte al lockdown dettato dall’emergenza Covid-19, lo scorso 16 marzo ha iniziato a organizzare attività gratuite di interazione on line con approfondimenti tematici e degustazioni dedicate ai propri Associati, articolate in un fitto calendario che è proseguito sino alla fine del mese di giugno. Tante energie messe in campo per garantire, ogni settimana, ai propri Associati e a tutti i winelover interessati, numerosi appuntamenti capaci di coinvolgere, divertire, educare alla cultura enoica. Si è, infatti, trattato di un ricco programma di intrattenimento e formazione con approfondimenti tematici, degustazioni, suggerimenti di abbinamento e incontri con i produttori. Dal 16 marzo al 30 giugno sono stati 77 gli appuntamenti organizzati dalla Delegazione di Milano che ha abbracciato un pubblico complessivo – sommando i partecipanti di ogni singolo web event – di ben 7.232 spettatori.

GLI ATTORI IN GIOCO – L’iniziativa #iodegustoacasa non sarebbe stata possibile senza il coinvolgimento, la passione e l’entusiasmo di tante persone che hanno messo a disposizione, con generosità, il proprio tempo e la propria competenza per realizzare occasioni preziose in cui continuare a parlare di vino e condividere la passione enoica in questo periodo così particolare. Gli appuntamenti organizzati hanno visto impegnati 19 Docenti e Sommelier FISAR Milano, a cui si aggiungono 19 produttori, 9 relatori esterni e 7 distributori (Chicche di Champagne, MilanoVino, Agenxia, WineoWine, Enoluogo, Spumeggiando e Aperiviniamo.com).

WEBINAR – Le tematiche sono spaziate da “Israele e i suoi vini” a “I Bianchi di Borgogna”, da “La Champagne” a “Il Triangolo dello Sherry”, da “The World of Rhum” a “L’Aglianico: il Barolo del Sud”, dalla “Rivoluzione del Coravin” ai “Cru della Valpolicella”, soltanto per citarne alcune. E tanti sono i produttori coinvolti direttamente nel racconto e nella degustazione dei lori vini, narrando storia, filosofia, territorio e tipicità: da Frescobaldi a Massolino, da Terre di Leone a Pfitscher, da Garofoli a Le Fiole, da Duca di Salaparuta a Colline della Stella e molti altri. Nel corso delle oltre 105 ore complessive di attività in videoconference, sono stati presentati ben 20 territori (Francia, USA, Argentina, Marsala, Madeira, Israele, Côte de Beaune, Côte de Nuits, Jerez, Marche, Valpolicella, Abruzzo, L’altra Toscana, Friuli Venezia Giulia, Costiera Amalfitana, Umbria, Sicilia, Trento, Franciacorta e Sicilia); inoltre sono stati presentati e descritti ben 19 vitigni (Gewurztraminer, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Barbera, Glera, Chardonnay, Corvina, Corvinone, Oseleta, Rondinella, Pecorino, Gruner Veltliner, Kerner, Grechetto, Sagrantino, Negramaro, Grillo e Nerello Mascalese) e analizzati in maniera approfondita 13 varietà (Sauvignon Blanc, Pinot Noir, Verdicchio, Lugana, Aglianico, Nebbiolo, Pinot Grigio, Syrah, Sangiovese, Pinot Bianco, Montepulciano e Ribolla, Verdicchio).

I VINI IN DEGUSTAZIONE – Dopo una prima parte teorica – che ha approfondito, di volta in volta, un differente contenuto formativo – i docenti hanno coinvolto i partecipanti in un’attività di degustazione condivisa in videoconferenza. La distanza non ha, infatti, impedito di condividere le sensazioni e l’esperienza di degustazione dello stesso vino in occasione di uno speciale wine tasting in real time. Al termine, è stato riservato uno spazio all’interazione con i partecipanti: per porre domande al docente era, infatti, possibile usare lo strumento della chat offerto dalla piattaforma. Nel corso degli eventi sono state, infatti, degustate 73 diverse etichette. Per poter agevolare gli Associati nel ritracciare e acquistare facilmente le bottiglie per la degustazione, si è optato per scegliere prodotti facilmente reperibili grazie alle partnership stipulate con alcuni distributori che potessero garantire la consegna dei vini proposti a casa, offrendo prezzi in promozione agli Associati. È il caso di Chicche di Champagne, MilanoVino, Agenxia, WineoWine, Enoluogo e Spumeggiando, tramite i quali i partecipanti hanno acquistato 2.260 bottiglie (di cui 1.725 di vino italiano) per un valore complessivo di circa 35.000 €. Con le attività a distanza, FISAR Milano ha quindi contribuito a realizzare un significativo impatto sull’economia vinicola, in questo periodo di crisi e recessione.

LE INIZIATIVE SOLIDALI – In questi mesi delicati per la situazione sanitaria nazionale anche FISAR Milano ha desiderato fare la sua parte a sostegno della Comunità, mettendo in atto una serie di iniziative solidali. Per ogni partecipante di ogni singola lezione, FISAR Milano ha deciso di effettuare una donazione di 1 € a beneficio dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano e della Croce Rossa Italiana – Comitato di Bergamo. In occasione delle iniziative attive nel corso delle 3 settimane da lunedì 11 a domenica 31 maggio la donazione è dedicata all’Associazione Pane Quotidiano. Dal 1° al 30 giugno la donazione è stata, invece, a favore della ONLUS la Tazzinetta Benefica. Grazie a più di 1.300 donazioni, sono stati raccolti 6.200 €. FISAR Milano ha inoltre supportato la campagna di crowd funding sulla piattaforma GoFundMe dal titolo Il mondo del vino aiuta gli ospedali di Bergamo per supportare due strutture nell’epicentro bergamasco in prima linea nella cura dei pazienti affetti dal nuovo Coronavirus (il Policlinico San Pietro presso Ponte San Pietro e il Policlinico San Marco a Zingonia del Gruppo San Donato).

LA PIATTAFORMA LMS – Per chi si fosse perso qualche appuntamento e fosse interessato a recuperare alcuni approfondimenti, FISAR Milano ha messo a disposizione la piattaforma LMS (Learning Management System) offrendo l’opportunità agli Associati FISAR di qualunque Delegazione di accedere a tutte le registrazioni audio-video integrali e a tutte le slide proiettate. L’indirizzo web di riferimento è www.fisarmilano.org/iorestoacasa: basta cliccare su ‘Enroll Now’ per accedere (se, invece, non si è già in possesso delle credenziali al sito www.fisarmilano.org, è possibile creare un nuovo account gratuito).

IN FUTURO – L’organizzazione delle iniziative di interazione a distanza #iodegustoacasa hanno rappresentato per FISAR Milano un interessante banco di prova nella gestione di appuntamenti digitali. L’esperienza maturata in questi oltre 3 mesi e mezzo porterà, infatti, elementi utili all’innovazione degli eventi futuri nell’ottica di un’omnicanalità che vedrà sempre più integrate tra loro le esperienze in aula e in modalità e-learning.

Laura Grossi