Il Raboso

Il Raboso

Il Raboso è un vitigno rustico, contadino, derivato da una vite selvatica addomesticata. Robusto e resistente, è molto tannico e molto acido, difficile da domare. Ma per chi ci riesce, regala vini di grande longevità. "La grandissima maggioranza dei consumatori ignora...

leggi tutto
Il Picolìt perduto

Il Picolìt perduto

Friuli, anni Settanta. Mario Soldati in viaggio alla ricerca di vini autentici non riesce a trovare il famoso e quasi scomparso Picolìt. E allora lo rievoca così. "Mi incuriosisce, tra l'altro, il famoso Picolìt: quel vino celebre da secoli; quel vino che sembra...

leggi tutto
Il bottaio magico

Il bottaio magico

Sono pochi, bravissimi, venerati come grandi geni. Sono i bottai, mastri artigiani in grado di creare le botti perfette per ogni vino. "La lavorazione della botte avviene, sostanzialmente, nello stesso modo in cui avveniva secoli or sono. Con l'eccezione di alcune...

leggi tutto
La saga dei Florio

La saga dei Florio

Conoscete la storia della famiglia Florio? Grandi produttori di Marsala, ma non solo, con la loro flotta hanno contribuito a far conoscere questo straordinario vino nel mondo. Potete leggere la loro impresa nel libro di Stefani Auci "I leoni di Sicilia",...

leggi tutto
Il Picolìt perduto

L’annus horribilis

"Nel 1895 la fillossera è ormai presente in ventisette province italiane e ha già distrutto 100.000 ettari, con altri 75.000 colpiti duramente. La Sicilia è la regione maggiormente in difficoltà, seguita da Sardegna, Calabria, Toscana (Isola d’Elba), Liguria,...

leggi tutto
Il bottaio magico

Dal Montenegro con furore

Ma se il Primitivo viene dal Montenegro e dà vini così buoni in Puglia, perché non scoprire gli altri vitigni montenegrini? "Oggi in Montenegro la coltivazione della Kratošija è in declino a favore del Vranac, il vitigno principe della regione. Si tratta di una...

leggi tutto
Un vino per le vacanze (ma solo per chi va in Giappone)

Un vino per le vacanze (ma solo per chi va in Giappone)

Scoprire che anche in Giappone esiste una buona produzione di vini addirittura protetti da un sistema di Denominazioni, come la NAC Nagano Appellation Control System? È quello che ha fatto Paolo Valdastro del Corriere del Vino. Siamo a 250 km circa a nord-ovest di...

leggi tutto
Douja D’Or 2019: ad Asti il salone nazionale del vino

Douja D’Or 2019: ad Asti il salone nazionale del vino

Dal 6 al 15 settembre 2019 ad Asti si terrà la “Douja d'Or”, il 53° Salone Nazionale di Vini Selezionati. A raccontarcelo è la redazione di mentelocale.it Torna nel centro storico di Asti il salone della Douja D'Or. Una manifestazione, ideata nel 1967 dall’allora...

leggi tutto
Buono e sano: sarà vero?

Buono e sano: sarà vero?

Moda? Strategia commerciale? Marketing? No, il biologico è sempre più una necessità. La viticoltura infatti usa più prodotti chimici degli altri settori agricoli. "In Europa sono coltivati a vigneto circa 42000 chilometri quadrati di terreno, un'area simile all'intera...

leggi tutto
Il Picolìt perduto

Il mostro americano

Si dice sempre che la fillossera ha stravolto la viticoltura europea. Ecco qualche numero, che spiega più di tante parole. La viticoltura francese ed europea cominciò lentamente a riprendersi, ma il colpo inferto era stato pesante: in Cognac si era passati dai 280.000...

leggi tutto
Il bottaio magico

Dov’è nato il Primitivo?

Da dove viene il Primitivo pugliese, noto in America come Zinfandel? Di certo dalle coste adriatiche, ma in quale Paese esattamente? "Qui il Primitivo, coltivato con il nome di Kratošija, rappresenta una delle varietà più antiche e storicamente più importanti della...

leggi tutto
Buono e sano: sarà vero?

Who is who?

Che confusione! Non basta avere oltre 10.000 vitigni in Europa... ci ritroviamo pure a usare per alcuni decine, se non centinaia, di nomi diversi.  "Basti sapere che i vitigni, non solo regione per regione, ma paese per paese, e addirittura località per località,...

leggi tutto
Il Picolìt perduto

Clinto, ancora lui

Ancora sul Clinto! Vitigno americano, ormai proibito, che è stato per lungo tempo la gioia e il piacere dei contadini veneti ed emiliani. Che impararono a vinificarlo in ogni modo.  Esiste un decreto di Maria Teresa, e perciò della seconda metà del Settecento, che...

leggi tutto
Il bottaio magico

I nomi del Nebbiolo

I numerosi casi di sinonimia tra i vitigni sono spesso illuminanti sulle loro origini e sulla loro storia. Prova ne è il caso del Nebbiolo che vanta molti nomi pur essendo diffuso in un’area abbastanza circoscritta. Vediamo i sinonimi e le etimologie descritte da...

leggi tutto
Il bottaio magico

Il Sauvignon italiano

Nel XVIII secolo il Sauvignon arrivò in Friuli, spesso insieme al Semillon e al Sauvignonasse, vitigno minore del Bordolese che oggi è noto come Friulano (l’ex Tocai). Da qui si è poi diffuso in quasi tutte le regioni italiane, soprattutto del versante adriatico....

leggi tutto
Barolo, nasce la Hall of Fame del vino italiano

Barolo, nasce la Hall of Fame del vino italiano

Anche il Vino avrà la sua “Hall of Fame”, la Galleria delle Glorie che verrà inaugurata a Barolo, al Castello Comunale Falletti, il prossimo Sabato 22 Giugno. A raccontarcelo è la redazione di Atnews.it . Il WiMu di Barolo accoglie le stelle del vino italiano. Nasce nell’avveniristico Museo ideato da François Confino e inaugurato nel più famoso borgo di Langa nel 2010 la dedicata ai grandi nomi dell’enologia italiana. Così come per il mondo dello sport, la musica e ancora il cinema, anche il vino avrà la sua Galleria delle Glorie dedicata ai personaggi che con carisma e visione, attraverso la loro opera, hanno contribuito a fare dell’Italia un punto di riferimento nel mondo, promuovendo i prodotti e i paesaggi, anticipando spesso le tendenze del pubblico, accendendo i riflettori su vitigni e denominazioni. (‘Barolo, nasce la Hall of Fame del vino italiano’ pubblicato su https://www.atnews.it)
leggi tutto